MR Imaging di midollo osseo Edema …

MR Imaging di midollo osseo Edema ...

MR Imaging di midollo osseo Edema e Joint effusione nei pazienti con osteonecrosi della testa del femore: Rapporto con dolore

Guo-Shu Huang 1. Ala P. Chan 2 3. Yue-Cune Chang 4. Cheng-Yen Chang 5. Cheng-Yu Chen 1 e Joseph S. Yu 6

affiliazioni: 1 Dipartimento di Radiologia, Tri-Service General Hospital, National Defense Medical Center, 325 Cheng Kung-Rd. Sezione 2, Neihu, Taipei 114, Taiwan, Repubblica di Cina.

2 Dipartimento di Radiologia, Facoltà di Medicina, Taipei Medical University, 250 Wu-Hsing San Taipei 110, Taiwan, Repubblica di Cina.

3 Dipartimento di Radiologia, Taipei Medical University-Municipal Wan Fang Ospedale, 111 Hsing-Long Road. Sezione 3, Taipei 116, Taiwan, Repubblica di Cina.

4 Dipartimento di Matematica, Università Tamkang, 151 Ying-Chuan Rd. Tamsui, Taipei County 251, Taiwan, Repubblica di Cina.

5 Dipartimento di Radiologia, Taipei Veterans General Hospital, 201 Shih-Pai Rd. Sezione 2, Taipei 112, Taiwan, Repubblica di Cina.

6 Dipartimento di Radiologia, Ohio State University Medical Center, S-255 Rhodes Hall, 450 W. 10th Ave. Columbus, OH 43210.

Citazione: American Journal of Roentgenology. 2003; 181: 545-549. 10,2214 / ajr.181.2.1810545

OBBIETTIVO. Il nostro scopo era di determinare la comparsa di edema del midollo osseo e versamento articolare e la loro relazione al dolore in pazienti con osteonecrosi della testa del femore sulla base della RM.

MATERIALI E METODI. Ci sono stati 71 pazienti con osteonecrosi della testa femorale sulla base di caratteristici reperti immagini radiografiche e MR. Tutti i pazienti avevano conferma chirurgica della malattia. Entrambi i fianchi sono stati colpiti con osteonecrosi in 39 pazienti, mentre solo un fianco è stato coinvolto in 31 pazienti. L’ultima paziente è stato sottoposto un artroplastica di un’anca durante lo studio e aveva solo un fianco ripreso. Abbiamo valutato un totale di 110 anche in questo studio, di cui 98 sono state dolorose. Abbiamo messo in scena osteonecrosi della testa femorale, utilizzando la classificazione di Steinberg et al. Le 31 fianchi affetti serviti come controlli. edema del midollo osseo e liquido articolare sono stati valutati su immagini RM. edema del midollo osseo è stata definita come una zona mal definita di bassa intensità di segnale sulle immagini T1 pesate con corrispondenti elevata intensità di segnale sulle immagini T2 o di recupero di inversione che localizzano alla testa del femore, del collo e regione intertrocanterica. La quantità di liquido articolare è stata classificata da 0 a 3.

RISULTATI. Il picco di edema del midollo osseo è verificato nel III stadio della malattia (72%); la sua odds ratio era di sette volte superiore a quello per la fase I osteonecrotiche fianchi. Versamenti di un grado maggiore o uguale a 2 sono stati osservati più di frequente III stadio della malattia (92%), rispetto al 10% nei fianchi di controllo. Con un versamento, edema del midollo osseo è stato di 12,6 volte maggiore quando l’anca è stato doloroso rispetto a quando non lo era.

CONCLUSIONE. Sia l’edema del midollo osseo e versamenti articolari esistevano con un evento di punta nella malattia in stadio III. edema del midollo osseo sembra avere una forte associazione con il dolore di non versamento articolare in osteonecrosi della testa femorale.

Abbiamo cercato di determinare la comparsa di edema del midollo osseo e versamento articolare e la sua relazione al dolore in pazienti con osteonecrosi della testa del femore sulla base della RM.

Materiali e metodi

Pazienti e tecniche di imaging

Da ottobre 1994 al maggio del 2001, 71 pazienti consecutivi con osteonecrosi non traumatica della testa del femore sono stati sottoposti a imaging RM di entrambe le anche presso il nostro istituto (Tri-Service General Hospital, National Defense Medical Center, Taipei). Ci sono stati 63 uomini e otto donne, di età compresa tra i 18 ei 68 anni (età media, 32 anni). Dei 71 pazienti, 39 hanno avuto osteonecrosi della testa del femore in entrambe le anche. In 31 pazienti, osteonecrosi della testa femorale influenzato solo un fianco. L’ultimo paziente ha subito una protesi d’anca bipolare di un’anca prima dello studio MR, e questo alla moda è stato escluso dallo studio. Un totale di 110 fianchi con osteonecrosi della testa del femore e 31 fianchi con un aspetto normale MR sono stati rivisti. Le 31 fianchi hanno agito come gruppo di controllo.

Nessun paziente ha avuto una storia di trauma a uno dell’anca. fattori di potenziale rischio per l’osteonecrosi della testa del femore incluso il consumo di alcolici (n = 52) e terapia steroidea (n = 11). I restanti otto pazienti hanno negato qualsiasi potenziali fattori di rischio per l’osteonecrosi della testa femorale. Le cartelle cliniche hanno rivelato che il 98 fianchi con osteonecrosi della testa del femore erano dolorose al momento della imaging e 12 erano liberi di dolore [6]. Dei 31 fianchi controllo, solo uno era dolorosa al momento imaging. Tutti i pazienti avevano conferma chirurgica della malattia. I pazienti con stadi precoci hanno ricevuto la decompressione di base; quelli con stadio avanzato sono stati sottoposti ad artroplastica dell’anca.

Tutti gli esami RM sono stati eseguiti su un magnete da 1,5 T (Vista, Picker, Cleveland, OH). Imaging è stata effettuata utilizzando una bobina corpo con il paziente in posizione supina. Abbiamo ottenuto le seguenti sequenze: coronale T1 pesate (serie TR / ambito di TE, 450-650 / 16-20) spin-echo, intermedio ponderate (1500-2200 / 20-40), T2 ponderate (1500-2200 / 80-90), e recupero di inversione (2500-3000 / 35-40; tempo di inversione, 100-150) sequenze di entrambe le anche. immagini intermedie ponderate e pesate in T2 successivi sono stati ottenuti anche sul piano sagittale con gli stessi parametri, come quelli sul piano coronale. Il campo di vista era compreso tra 32 38 cm. spessore di strato era di 4-5 mm, con un’intercapedine interslice di 0,5 mm. Le matrici variavano da 192 × 256 al 256 × 256, a seconda delle dimensioni del paziente.

Interpretazione delle immagini

reperti di imaging RM Caratteristica stabilito la diagnosi di osteonecrosi della testa femorale [7 -10]. I criteri di inclusione sono settori semilune (Fig. 1) di bassa intensità di segnale nella zona portante della testa femorale, un pattern bandlike (Fig. 2), una lesione ringlike (Fig. 3A. 3B. 3C) con omogenea o intensità di segnale eterogenea della zona centrale, una superficie omogenea di diminuzione dell’intensità del segnale con una banda scura (Fig. 4), e collasso della testa femorale (Fig. 3A. 3B. 3C). edema del midollo osseo è stata definita come una zona mal definita di bassa intensità di segnale sulle immagini pesate in T1, con corrispondenti elevata intensità di segnale sulle immagini T2 o di recupero di inversione che localizzano alla testa del femore, del collo e regione intertrocanterica [1. 3. 4. 11 -14] (Figg. 3A. 3B. 3C e 4). Una zona arcuato ben delimitata, di elevata intensità di segnale sulle immagini T2 che circondano la zona necrotica della testa del femore è stato considerato di granulazione del tessuto [11. 14. 15]. Il fluido congiunta è stata classificata sulla base delle immagini coronali come segue: 0, nessun liquido; 1, il fluido minimo; 2, abbastanza fluido per circondare il collo femorale (Fig. 4); e 3, distensione della cavità della capsula [2] (Fig. 1).

Figura. 1. -Stage III [17] osteonecrosi della testa del femore in 28-year-old man con dolore all’anca destra. immagine MR coronale (TR / TE, 2800/40; inversion recovery, 125) mostra un’area mezzaluna (freccia solido ) Di bassa intensità di segnale in zona portante della testa femorale. Nota di grado 3 liquido articolare (freccia aperto ) Che recesso capsulare disteso.

Figura. 2. -Stage II [17] osteonecrosi della testa del femore in 54-year-old man con anca sinistra senza sintomi. immagine coronale intermedia ponderata MR (TR / TE, 1800-1820) mostra modello bandlike (freccia ) Nel midollo osseo corrispondente al cambiamento sclerotica in testa femorale sinistra visto in radiografia (non mostrato).

Figura. 3A. -Stage III (anca sinistra, UN ) E stadio IV (anca destra, B e C ) [17] osteonecrosi della testa del femore in 44-year-old man con dolore all’anca bilaterale. immagine coronale intermedia ponderata MR (TR / TE, 1800-1820) mostra modello ringlike (freccia ) Nel midollo osseo subcondrale della testa del femore sinistro.

Figura. 3B. -Stage III (anca sinistra, UN ) E stadio IV (anca destra, B e C ) [17] osteonecrosi della testa del femore in 44-year-old man con dolore all’anca bilaterale. immagine MR intermedia ponderata coronale (1800-1820) mostra un edema diffuso a bassa intensità di segnale del midollo osseo (frecce ) Nel collo del femore e la zona intertrocanterica e il collasso della testa femorale destra.

Figura. 3C. -Stage III (anca sinistra, UN ) E stadio IV (anca destra, B e C ) [17] osteonecrosi della testa del femore in 44-year-old man con dolore all’anca bilaterale. immagine MR (1800-1880) pesata in T2 dimostra che l’edema del midollo osseo (frecce ) Si rivolge a elevata intensità di segnale nel collo del femore e la zona intertrocanterica.

Figura. 4. -Osteonecrosis Di testa del femore con edema del midollo osseo a 20-year-old man con dolore all’anca sinistra. immagine MR pesata in T2 coronale (TR / TE, 2200/80) mostra zona bassa del segnale intensità con fascia scura (freccia aperto ) Nella parte di sinistra della testa del femore. Nota ad alta intensità di segnale del midollo osseo edema (frecce curve ) Si estende fino al collo e intertrocanterica di femore prossimale e grado 2 fluido (frecce diritte solide ) Che circondano il collo del femore.

Abbiamo usato regressione logistica per valutare l’associazione tra il verificarsi di edema del midollo osseo e la presenza di dolore. Poiché i risultati acquisiti dai fianchi di pazienti con malattia bilaterale sono stati in grado di non essere indipendente, abbiamo utilizzato un metodo statistico di equazioni di stima generalizzate per adattare la regressione logistica e rappresentano i dati oggetto-dipendenti [18]. Lo stesso metodo generalizzato equazioni di stima è stata utilizzata per determinare l’associazione tra l’insorgenza di edema del midollo osseo e varie fasi di osteonecrosi della testa e del midollo osseo del femore edema e versamento articolare. L’intero lavoro modello-montaggio è stato eseguito su un PC utilizzando la procedura PROC GENMOD nel / STAT sistema V8.1 SAS (SAS Institute, Cary, NC). Abbiamo usato StatXact 4.0 (Cytel Software, Cambridge, MA) per il coefficiente di correlazione di Pearson e test chi-quadrato. UN p valore inferiore a 0,05 indica una differenza statisticamente significativa.

edema del midollo osseo era presente in 53 (48%) di 110 fianchi con osteonecrosi della testa del femore, rispetto a nessuno dei 31 fianchi di controllo. edema del midollo osseo è stato visto più spesso in fase III di malattia (18/25, 72%), rispetto a fasi I (5/17, 29%), II (11/26, 42%), IV (16/33, 48 %) e V (3/9, 33%). I risultati a fianchi con edema del midollo osseo hanno mostrato tutte le lesioni del midollo focali nella testa del femore. Giudizio in nessuno dei fianchi mostravano midollo osseo edema nella regione acetabolare.

Per quanto riguarda il rischio (odds) della comparsa di edema del midollo osseo in varie fasi, c’era una tendenza crescente da stadio I alla fase III, con il picco che si verificano nella malattia in stadio III. Il rischio è diminuito da stadio III di mettere in scena la malattia V. L’odds ratio del verificarsi di edema del midollo osseo per malattia in stadio III è stato sette volte superiore a quella per la malattia in stadio I.

Novantotto (89%) di 110 fianchi con osteonecrosi della testa femorale fosse dolorosa, rispetto a uno (3%) di 31 fianchi controllo. Il dolore si è verificato più nelle fasi successive della malattia. Inoltre, abbiamo notato che 52 (98%) di 53 fianchi osteonecrotiche con edema del midollo osseo sono stati dolorosi, rispetto al 46 (81%) di 57 fianchi osteonecrotiche senza edema del midollo osseo. La presenza di edema midollare riflette una forte associazione con la presentazione clinica del dolore (p lt; 0,0001), in particolare per i pazienti con una fase precedente di osteonecrosi della testa femorale. I pazienti con edema del midollo osseo sono stati 25,2 volte più probabilità di provare dolore rispetto ai pazienti senza edema del midollo osseo.

Analogamente, il rapporto incrociato rispetto al dolore per osteonecrosi della testa femorale con un versamento articolare di un grado maggiore o uguale a 2 era 19,2 volte maggiore di quella in fianchi con un grado liquido articolare inferiore a 2 (p lt; 0,0001). Utilizzando più regressioni logistiche regolazione per l’effetto di un versamento articolare, abbiamo notato che la presenza di edema del midollo osseo era ancora significativamente associata alla presenza di dolore (p = 0,0068) e che l’odds ratio per un’anca dolorosa era 12,6 volte superiore con edema del midollo osseo che senza.

Quarantotto fianchi osteonecrotiche con edema del midollo osseo avevano o un grado 2 (16/53, 30%) o di grado 3 (32/53, 60%) effusione. C’è stata una forte associazione tra la presenza di edema del midollo osseo e un versamento articolare (grado, ≥ 2), indipendentemente osteonecrosi della testa femorale (p lt; 0,0001). L’odds ratio rispetto ad un versamento articolare era 15,9 volte superiore con edema del midollo osseo che senza osso edema osseo. Quando abbiamo confrontato versamento articolare allo stadio della malattia, ignorando la presenza di edema del midollo osseo, le fasi successive di osteonecrosi della testa del femore erano fortemente associati ad un significativo versamento articolare (grado, ≥ 2) (p lt; 0,003). Quando abbiamo rettificato per gli effetti di edema midollare, abbiamo osservato che la presenza di osteonecrosi della sola testa femorale era ancora significativamente associato con un versamento articolare.

La più forte associazione di osso edema osseo con osteonecrosi della testa del femore si è verificato in fase III di malattia con versamento articolare, con un odds ratio di 15,5 volte rispetto a quella nelle precedenti fasi della malattia. Un grado 2 o grado 3 versamento è stato anche visto più spesso in malattia in stadio III (23/25, 92%), rispetto a fasi I (9/17, 53%), II (17/26, 65%), IV ( 23/33, 70%), e V (7/9, 78%). I fianchi di controllo avevano un grado 2 versamento articolare su tre (10%) di 31 fianchi.

Dodici pazienti con fianchi bilaterali con osteonecrosi della testa del femore erano asintomatici in un fianco. Le immagini RM nei fianchi asintomatici hanno rivelato un modello bandlike subcondrale in 10 fianchi e una lesione a forma di anello in due fianchi. Dieci fianchi avuto un grado 1 versamento articolare e due fianchi aveva un versamento di grado 2.

Alcuni ricercatori hanno dimostrato che i fianchi che si presentano con l’osso diffuso edema osseo nel collo del femore e della regione intertrocanterica possono successivamente sviluppare lesioni focali nella testa del femore coerente con osteonecrosi [12]. Non abbiamo osservato questo fenomeno nel nostro studio. Tutti i fianchi esposti lesioni subcondrali focali caratteristici di osteonecrosi della testa femorale indipendentemente dal fatto che sia stato associato con edema del midollo osseo.

Koo et al. [1] ha riferito che il dolore in tutte le otto fianchi dei loro pazienti placata con ameliorating di edema del midollo osseo e ipertensione endomidollare dopo decompressione del nucleo. I nostri dati con un gruppo più paziente inoltre suggerito che l’edema del midollo osseo potrebbe essere un fenomeno che indica l’ultima sincronizzazione per decompressione del nucleo nei pazienti con fase iniziale osteonecrosi della testa femorale, e questa procedura potrebbe ritardare protesi d’anca, soprattutto per i giovani pazienti.

L’osteonecrosi della testa femorale non sempre produce dolore. Abbiamo valutato 12 fianchi asintomatici con stadio I e II della malattia. Le immagini RM hanno rivelato sia un bandlike o un modello a forma di anello nel midollo subcondrale della testa del femore. Altri ricercatori hanno proposto che un modello bandlike, non l’edema del midollo osseo o di versamento articolare, è la constatazione RM iniziale di osteonecrosi della testa femorale [3 -5. 20. 21]. I nostri dati sono in linea con questa proposta. Nei pazienti che sono stati sottoposti a terapia con farmaci corticosteroidi, un modello bandlike è stato osservato all’inizio ad una media di 14 settimane dopo l’inizio della terapia con steroidi [4]. In un altro studio, l’incidenza di osteonecrosi clinicamente occulta della testa del femore è stata del 6% nei pazienti che avevano subito un trapianto renale e sono stati trattati con corticosteroidi [5].

Rafii et al. [22] hanno riportato tre pazienti con grave dolore all’anca avere fratture insufficienza della testa del femore e la presenza di edema del midollo osseo. Due delle fratture coesisteva con fratture da insufficienza nella cupola acetabolare. I pazienti erano osteoporotici e anziani senza fattori predisponenti per l’osteonecrosi della testa femorale. Il riconoscimento di questi fattori combinati può evitare una diagnosi errata di osteonecrosi della testa femorale.

Ci sono stati diversi limiti al nostro studio. La valutazione clinica concentrata solo sulla presenza di fattori di dolore e di rischio per l’osteonecrosi della testa femorale. Non siamo riusciti a determinare in modo adeguato un sistema di punteggio del dolore che potrebbe quantificare i sintomi di ogni paziente, perché molte cartelle cliniche non hanno riportato un punteggio. Uno studio prospettico di pazienti con una scala del dolore connesso e una serie di immagini RM sarebbe utile per determinare il rapporto di osso edema osseo e effusioni di dolore all’anca nei pazienti con osteonecrosi della testa del femore. I pazienti che hanno fianchi controlaterale con un normale aspetto MR e osteonecrosi della testa del femore sono stati un gruppo di controllo non ottimale. In effetti, sarebbe difficile ottenere pazienti con edema del midollo osseo e versamenti articolari, ma senza osteonecrosi della testa femorale come soggetti di controllo alternative.

Indirizzo corrispondenza W. P. Chan.

Related posts

  • Legg-Calve-Perthes Imaging …

    Panoramica Malattia di Legg-Calvé-Perthes (LCPD) è un disturbo all’anca infanzia che si traduce in infarto dell’epifisi ossea della testa del femore. LCPD rappresenta necrosi avascolare idiopatica del …

  • Biopsia del midollo osseo è un effetto collaterale …

    A proposito di questo FactMed analisi relativi rapporti negativi effetti collaterali di pazienti che hanno sviluppato Dilantin biopsia del midollo osseo. Rapporto FDA di ricerca Introduzione Questa pagina è stata progettata per aiutare …

  • Nachrichten Heute, sintomi tb del midollo osseo.

    La diagnosi di tubercolosi disseminata in osso aspirati di midollo Introduzione disseminata / miliare TB è una forma di tubercolosi pericolosi per la vita, non di rado vedere in pazienti affetti da AIDS con un CD4 …

  • Ammostamento mieloma biopsia del midollo osseo …

    Quarto e prova finale: biopsia del midollo osseo e in caso di aspirazione Se potessi dare un premio a ciascuna delle prove che ho avuto che sarebbe stato. Blood Test – rapido 24 Urine – più fastidioso e grossolano …

  • La neutropenia di sostegno Association Inc, il conteggio del midollo osseo basso.

    Sindromi mielodisplastiche cos’è MDS? MDS, o sindromi mielodisplastiche, è un gruppo di malattie del midollo osseo. Normale midollo osseo produce tre tipi di cellule diverse che contribuiscono a rendere il sangue …

  • Come fanno un test di midollo osseo

    Tumori del midollo osseo (per esempio il mieloma multiplo (MM)) ha raccomandato protocollo – Il Cellect-Budwig Protocol (e Fucoidan) Di gran lunga il miglior trattamento del cancro alternativa per il cancro del midollo osseo è un …